PKUinfo banner Se trovi interessante PKUinfo, puoi pubblicizzarlo sul tuo sito, blog, forum, ecc., utilizzando uno dei banner già disponibili, puoi supportarlo con una donazione o acquistando alcuni simpatici prodotti (come t-shirts o altro) o puoi collaborare ai contenuti: è facile !!:

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

news:censis_pazienti_superinformati [2014/02/18 13:16] (versione attuale)
Linea 1: Linea 1:
 +====== CENSIS: Pazienti super-informati mettono in crisi i medici ======
 +ROMA, 7 DIC - Pazienti sempre piu' preparati su patologie ed eventuali terapie, tanto da mettere in crisi i medici che, di fronte a questa nuova figura di paziente '​super-informato',​ avvertono una sensazione di '​disagio'​.
 +== ==
 +A fotografare la trasformazione della relazione medico-paziente é il Censis, nel Rapporto sulla situazione sociale del paese 2007. Negli ultimi decenni, si sottolinea nel Rapporto, i pazienti sono divenuti //sempre più istruiti e informati// e il medico si é visto più o meno costretto a svestire i panni del dottore inteso come unico possessore di conoscenze superiori e non condivisibili. Per gli italiani (oltre il 25%) é il web la fonte primaria di informazione in campo sanitario.
  
 +Forti delle nuove conoscenze, i cittadini cercano dunque un rapporto più //​paritario//​ con il medico: Per la maggioranza di italiani (55,9%) intervistati nell'​ambito della Ricerca Censis-Forum Bm 2007 - si legge nel Rapporto - il modello vincente di relazione medico-paziente è infatti quello della condivisione del processo decisionale,​ mentre il 10% indica addirittura che sarebbe preferibile una torsione del rapporto, per cui al medico spetterebbe solo il compito di illustrare le differenti opzioni terapeutiche,​ lasciandone invece al paziente la scelta. Si delinea così, analizza il Censis, uno scenario di //​potenziale conflittualità//​ in cui si registra, da una parte, il disagio dei medici, che guardano con preoccupazione alle istanze di autonomia decisionale dei pazienti e denunciano spesso una frustrazione per lo svilimento della propria professione e, dall'​altra,​ la posizione dei pazienti che valutano con crescente preoccupazione l'​eventualità di errori sanitari.
 +
 +A questo proposito, ricorda il Rapporto, secondo lo studio pubblicato nel gennaio 2006 da Eurobarometro,​ il 97% degli italiani ritiene che gli errori sanitari rappresentino un problema molto o abbastanza importante nel Paese, contro una percentuale media dei 25 Paesi Ue pari invece al 78%.
 +
 +Fonte **[[https://​www.federfarma.it/​VisualizzaNews.aspx?​type=Ansa&​amp;​key=9529|www.federfarma.it]]**
 +
 +{{tag>​censis statistiche}}
 +
 +~~META:date created = 2007-12-08~~