O.Ma.R. - Osservatorio Malattie rare O.MA.R - Osservatorio Malattie Rare si propone come la prima agenzia giornalistica nazionale, regolarmente registrata, interamente dedicata al mondo della malattie e dei tumori rari. Obiettivo del progetto è primariamente quello di aumentare la sensibilità dell’opinione pubblica in materia di malattie e tumori rari attraverso una comunicazione chiara e scientificamente corretta sia su quanto riguarda la ricerca, le sperimentazioni in corso e il progresso medico-diagnositico, sia per quanto riguarda i servizi, le agevolazioni e l’assistenza di cui i malati possono usufruire. .

  • Versione stampabile
  • Esporta in OpenOffice
  • Esporta in PDF
  • Aggiungi pagina al libro
  • Strumenti:

Glicomacropeptide: Una ricerca annuncia nuove possibilità per i soggetti PKU

In futuro, i soggetti PKU potrebbero avere nuove prospettive di dieta.

In aprile, un team di ricercatori della University of Wisconsin-Madison pubblicherà la seconda parte dei risultati di una ricerca che mostra come, una proteina derivata dal siero del latte, nota come glicomacropeptide (GMP), sia sicura da ingerire per i soggetti PKU. La GMP é la prima proteina naturale conosciuta, sicura per questi soggetti, e questa scoperta potrebbe modificare radicalmente la dieta di un PKU. Attualmente, presso la Cambrooke Foods, una società alimentare del Massachusetts, specializzata nella produzione di alimenti a fini medici, stanno verificando la possibilità di produrre, a fini commerciali, uno snack arricchito di GMP.

La proteina GMP isolata dal siero, sembra sia l'unica proteina dietetica nota che contiene solo tracce trascurabili di fenilalanina; la GMP assolutamente pura, infatti, é completamente prima fenilalanina. Il primo studio sulla GMP, come alimento umano, é stato pubblicato a febbraio in Journal of Inherited Metabolic Disorders, nel quale Denise Ney, un docente di scienze nutritive che ha condotto i due studi e la sua squadra, descrivono l'esperienza di un soggetto PKU che, volontariamente, si é sottoposto ad una dieta a base di GMP per 10 settimane. Il nuovo studio, che sarà pubblicato nel numero di Aprile della rivista American Journal of Clinical Nutrition , riporterà i risultati ottenuti su un gruppo di 11 soggetti PKU, controllati per un breve periodo, presso il UW-Madison's Waisman Center.

Il test, prevedeva che i soggetti utilizzassero per quattro giorni la normale formula di aminoacidi e poi passassero ad una dieta di GMP per altri quattro giorni. Alla fine del test, non si sono registrati problemi dovuti a controindicazioni e 10 soggetti su 11, hanno dichiarato di preferire la GMP alla dieta tradizionale, confermando che la GMP è sicura ed accettabile. In questo breve studio, si sono evidenziate delle variazioni individuali di risposte, ma i livelli di fenilalanina nel sangue, misurati dopo i pasti, sono rimasti complessivamente comparabili nelle due diete.

La ricerca a avanti da circa un decennio, fin da quando, Mark Etzel, un ingegnere alimentare della UW-Madison pubblicà i risultati di una ricerca su come isolare la GMP dal siero.

Fonte: University of Wisconsin-Madison